mercoledì 18 maggio 2016

Quello strano sorrisetto...

Mi sono svegliata all'alba. Una manciata di Lupo Alberto in tasca ed un libro tutto nuovo in borsa. La testa piena di pensieri ed uno strano sorrisetto sulle labbra. 
Sì, sono tornata in reparto. Sono passati già tre mesi dagli ultimi controlli.
Ho già fatto il prelievo e sto aspettando di essere chiamata dall'altoparlante per entrare nel mio ambulatorio sei. L'ansia di sapere gli esiti della TAC che ho fatto la scorsa settimana inizia a farsi sentire. D'altronde agli ultimi controlli di routine ero tranquillissima e quella calma non mi ha portato proprio benissimo... quindi questa volta un po' di nervosismo può anche starci...!
Eppure in questa sala d'aspetto piena di persone che guardano per terra e parlano sottovoce io torno sempre volentieri, perché è un po' come essere a casa. So che non è un luogo positivo o divertente, ma ha rappresentato così tanto per me in questo anno passato che non posso farci nulla: rivedere gli infermieri e le mie dottoresse mi rende felice e mi fa sentire protetta.
La testa piena di pensieri, ma uno strano sorrisetto sulle labbra...

14 commenti:

  1. Ecco, "...è un po' come essere a casa....rivedere gli infermieri e le mie dottoresse mi rende felice e mi fa sentire protetta", per tanti che lavorano nella sanità una frase del genere è un vero regalo.
    ho cercato di raccontarlo qualche volta questo desiderio di essere rifugio, tu lo esprimi bene dall'altra parte della barricata, che poi in questi casi non ci sono barricate :)
    grazie,
    massimolegnani
    (orearovescio.wp.com)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. Il mio reparto è il mio rifugio. Tutti coloro che ci sono dentro sono un po' i miei angeli. L'ho detto mille volte e lo ribadisco qui. Per quanto parenti ed amici possano stare vicini, sono i medici quelli che toccano con mano i momenti difficili in ospedale. Mi hanno dato una seconda opportunità, tutti quanti insieme, dal capo dei medici a colui che consegna gli esiti degli esami del sangue.
      ...come si fa a non essergli grata??
      Grazie delle belle parole. Sono contenta che anche dalla "vostra parte" non siamo visti solo come numeri.
      Valentina

      Elimina
  2. Cara Vale e cari tutti che frequentate questo blog, volevo informarvi, se già non la conoscete, di una bellissima iniziativa di medicina narrativa, molto molto vicina a tutti noi, malati o no, al di qua o al d là della "barricata". Il sito è: https://www.viverlatutta.it/
    Abbracci a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Darò sicuramente un'occhiata 😊
      Grazie della segnalazione! Un abbraccio

      Elimina
  3. Ciao Vale e come sono andati i risultati???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andati bene. Grazie mille
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Buon giorno ;))
    allora persiste ancora questo sorrisetto ..spero si sia trasformato in un grandissimo sorriso ;))))))
    un abbraccio immenso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Persiste, persiste! Doppio sorriso per me!!!
      Ti abbraccio

      Elimina
  5. beneeee! ho letto i commenti e sono andati bene! ora allarga e fai diventare un sorrisone, tesò! ed è vero, le persone che in un reparto di ospedale ci sono vicini, finiscono per esserci vicini davvero e ci entrano nel cuore... come tu sei entrata nel loro! baciottone per te tesorella!

    RispondiElimina
  6. Buona domenica
    sempre sorridendo
    abbraccione

    RispondiElimina
  7. buon giorno ..buona domenica
    un abbraccio immenso
    p.s. come va? come stai?

    RispondiElimina
  8. Ciao cara!!
    Come stai? Ti mando un abbraccione e ti auguro un buon 2 giugno :)

    RispondiElimina
  9. Buona domenica ;))
    come và? come stai?
    <3

    RispondiElimina